Mosca 1962 (da “Poesie dall’esilio” di Nazim Hikmet)

Ti sei stancata di portare il mio peso
ti sei stancata delle mie mani
dei miei occhi della mia ombra

le mie parole erano incendi
le mie parole eran pozzi profondi

verrà un giorno un giorno improvvisamente
sentirai dentro di te
le orme dei miei passi
che si allontanano

e quel peso sarà il più grave.

Ti rispondo...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.