I nastri gialli

nastri gialli

Sussurrati
i nomi assenti
tra le labbra
degli astanti
 
Stretti
nella stupore
nella rabbia
nel rumore
 
La tua presenza
nella memoria
su una sedia vuota
del cerchio interno
 
La tua ombra
tra i nastri gialli
di un pomeriggio estivo
che era già inverno
 
                                                                                              (dedicato a ER)

Quando (bambina mia)

Onde del mare
Quando Zefiro verrà
per farti volar via

Agli occhi miei
ancor vivi
lieve ti sfiorerà

Come te, bambina
che nelle stanze mi cercavi

E poi
con la mano
mi baciavi

 

                                                                    (dedicato a S.)

Fili

fili

Fili di lana
sottili, annodati
invecchiati ma intrecciati.
 
Fili di ferro
grezzi, saldati
sicuri e allineati.
 
Fili di luce
taglienti, tangenti
invadenti ma suggerenti.
 
Fili di senso
sognanti, leganti
frangenti apparenti
così rassicuranti.