Primavera

Alessandro Colonnetta, Campo di fiori sferzato dal vento

Gocce di nero
macchiano di inchiostro
le parole politiche
della mia cattiva gioventù.

E il rosso appare,
dei papaveri industriali
spazzati dalla pioggia
nei giorni d’estate.

E l’azzurro appare,
dei cieli del Nord
nei prati specchiati
di fronte al mare.

E il bianco appare,
dei gelsomini odoranti
mentre seduto, in ozio
sogno un altro sogno.

Festival della poesia a Mantova, maggio 2019

Ho partecipato alla quinta edizione del Premio Nazionale di Poesia “Terra di Virgilio” a Mantova e, con grande onore e emozione, nella sezione Vita di scienza e d’arte sono stato segnalato con la mia poesia Centro commerciale.

Nella sezione parallela, L’ozio degli attivi, dedicato a poeti che vivono in ambiti protetti (Comunità, carceri, strutture residenziali), mi ha colpito la poesia del secondo classificato, Roberto Cannavò, che vive nella casa di reclusione di Milano – Opera e lì frequenta il Laboratorio di Lettura e scrittura creativa.
Qui ve la propongo.

Nelle segrete giunture

Nelle segrete giunture
delle vene s’inasprisce
l’amaro.
La pioggia si dimena
nei corridoi lasciando
il passo all’immensità
del verso.

Stavolta piano

Egon Schiele: l’abbraccio

 

Piano,

stavolta piano,

perché il gemito

non diventi affanno,

perché la salita

diventi piano,

per tornare ancora da te.

Piano,

stavolta piano,

cercando il tempo

per sfiorarci,

cercando la bocca

per baciarci,

cercando i nostri corpi stesi

Piano,

stavolta piano,

perché l’onda 

ci sorprenda,

e di brividi attraversi

i nostri cuori affranti,

in cerca di un riparo.

Piano,

ma ora non più piano,

quando arriva il vento

che travolge i sensi,

valanga dalla cima

che cerca il porto,

per venire assieme a te.

Tre vite

Dei miei 17 anni
che ho vissuto nell’incertezza del presente

Dei miei 37 anni
che ho guardato ridendo il futuro

Dei miei 57 anni
che ho fermato per guardarmi le spalle

Restano boccioli di rosa
che li racchiudono tutti assieme

Scrivo

Alighiero Boetti

Così resto,
in calma di vento,
sospeso nel movimento
tra il mare e la sabbia,
a fare ciò che il giorno
ancora mi ripete,
come vela alla deriva
come pietra senza tempo.
A cercar isole
per le mie spazzature,
in solitudine immerso
davanti a un telefono,
a tavola con un amico
per scambiar parole

Migranti

In questo inizio d’anno di ricerca di nuove idee, è stato necessario cambiare le immagini di copertina, che nel 2019 sono dedicate ai tema dei migranti, un esodo di popoli che lascia sgomenti e increduli, per la portata e per le conseguenze, umanitarie, politiche, personali, che comporta. Così, le foto che vedrete, sono state scattate da me ad Antibes (Francia) nel settembre 2018: erano disegnate sul muro che circonda il porto.